Scarpata

La scarpata di raccordo con l'area golenale è nel suo sviluppo più o meno ripida e naturale. Nei settori più scoscesi e poco alterati è costituita da roccia conglomeratica a cemento calcareo, mentre in quelli più manomessi e a pendenza minore, da materiali di riporto. In particolare nell'ambito di sponda artificialmente terrazzato, ubicato a ridosso del Ponte IX Agosto, sono ancora presenti sia specie arboree sempreverdi di impianto, del tutto estranee all'ambiente fluviale, quali cedro dell'Himalaya, cedro dell'Atlante, cipresso comune e pino nero d'Austria, sia esemplari spontanei di bagolaro (Celtis australis) e di olmo siberiano. Nella zona compresa tra il rione di Campagnuzza e Sant'Andrea/Štandrež, i settori più naturali e a forte pendenza, con roccia affiorante, sono prevalentemente interessati da una copertura di edera (Hedera helix) con rade felci, mentre quelli meno naturali ospitano una vegetazione arborea ed arbustiva in evoluzione. Nel tratto di Sant'Andrea/Štandrež, la scarpata, nuovamente in condizioni di apprezzabile naturalità, presenta una copertura prevalentemente arbustiva con radure a prato magro costituito da diverse erbe diffuse nei vicini prati e pascoli del Carso. Sono evidenti alcuni fenomeni di franosità di materiale ghiaioso dai conglomerati affioranti della scarpata.

 
Scalinata%20Parco%20Campagnuzza%20come%20era_edited.jpg
 

©2020 di Parco naturale sull'Isonzo di Campagnuzza - Sant'Andrea. Creato con Wix.com