COMUNICATO DEL COMITATO
"AMICI DEL PARCO"

26 settembre 2021

Si faccia chiarezza sulla centrale idroelettrica

 

E' netta la nostra posizione sulla Centrale idroelettrica che si intenderebbe costruire nel Parco sull'Isonzo, il cui progetto è stato varato nei giorni scorsi con parere contrario dei Capigruppo del Comune di Gorizia.

 

Siamo ovviamente favorevoli alle energie rinnovabili, ma siamo fermamente convinti che in questo caso la scelta del sito della centrale (un Parco naturale) sia assolutamente sbagliata.

 

L'iter di approvazione del progetto presenta decisamente aspetti poco chiari e per certi versi paradossali. 

 

L'Assessore comunale Del Sordi afferma che il Comune ha dovuto "subire" questa scelta, approvata all'unanimità nell'ambito di una Conferenza di Servizi. Non è dato sapere quali Servizi e a tutt'oggi sono ignoti sia i dettagli del progetto, sia l'impatto che la centrale avrà sul fiume e sull'habitat naturale del Parco.

 

Ricordiamo che il sito individuato dal progetto per la realizzazione della centrale è uno dei punti più suggestivi dell'area golenale, frequentato dai visitatori che vogliano accedere all'argine e godere la bellezza dell'Isonzo.

 

Sconcertante inoltre il fatto che la società presentatrice del progetto, la Domus Brenta (Servizi immobiliari) di Torri di Quartesolo, Vicenza, sia stata autorizzata alla realizzazione del progetto, ne goda in via esclusiva gli utili e non sia tenuta - come affermato dall'Assessore Del Sordi -, ad alcun intervento "compensativo" a favore dei goriziani e del Parco.

 

Il Comitato esprime inoltre profonda delusione per il mancato coinvolgimento dei cittadini e dello stesso Comitato, tenuti all'oscuro del progetto fino alla conclusione dell'iter approvativo.

 

Chiediamo un deciso cambio di rotta nella gestione del patrimonio naturalistico e delle risorse ambientali pubbliche che appartengono - lo ribadiamo - alla Comunità e alle future generazioni.

 

Attendiamo chiarezza sui dettagli del progetto che valuteremo con la massima attenzione e ci riserviamo di intraprendere ogni possibile azione a tutela e salvaguardia del fiume e del Parco.

 

Invitiamo i goriziani e gli amici del fiume a visitare subito l'area verde che dovrebbe ospitare la centrale. Potrebbe essere l'ultima occasione per farlo!

Il Comitato Amici del parco naturale sull'Isonzo di Campagnuzza - Sant'Andrea si è costituito formalmente il 10 novembre 2020.

La sua finalità è quella di prevenire il degrado del Parco naturale sull'Isonzo di Campagnuzza - Sant'Andrea, in Gorizia, e promuoverne la conservazione, la sicurezza, la valorizzazione e la fruibilità.

Il Piano proposte degli interventi è stato elaborato sulla base delle segnalazioni degli Amici del Parco. Esso contiene documenti e osservazioni sulle criticità del Parco e idee e progetti per la sua valorizzazione.

Il piano è stato formalmente presentato all'Assessorato all'Ambiente del Comune di Gorizia in data 11 gennaio 2021.